Regione Campania ente accreditato cod. accred. 177/11/04
Certificazione: UNI EN ISO 9001:2008 Sistema di questione Qualità

Formazione per alimentaristi

<h1>Formazione per alimentaristi</h1>

Con DECRETO DIRIGENZIALE N. 46 del 23 febbraio 2005, pubblicato su Bollettino Ufficiale della Regione Campania n. 30 del 13 giugno 2005 l'AREA GENERALE DI COORDINAMENTO ASSISTENZA SANITARIA SETTORE PREVENZIONE ASSISTENZA SANITARIA IGIENE SANITARIA della Regione Campania ha stabilito le Modalità di attuazione dei processi formativi per il rilascio dell'Attestato di formazione e/o aggiornamento agli alimentaristi, in sostituzione del libretto di idoneità sanitaria di cui all' art. 14 della L.283/62. Sulla base di queste indicazioni la verifica dell'idoneità sanitaria ed il conseguente rilascio dell'attuale libretto sanitario di cui all'art. 14 della legge 283/62, viene sostituito dall'attestato di frequenza ad un idoneo percorso di formazione.

SOGGETTI INTERESSATI, RUOLO E MANSIONE 
Viene distinto il ruolo dell'alimentarista all'interno dell'industria alimentare a seconda se si tratti di responsabile dell'industria alimentare o di addetto. In quest'ultimo caso, od anche nel caso del responsabile qualora egli svolga anche compiti di carattere operativo, va distinta la mansione svolta, venendo qui individuate, in linea generale, 2 livelli di categoria di rischio

    • Responsabili di industrie alimentari
      Rientrano in questa categoria tutti i datori di lavoro di attività afferenti la manipolazione e vendita di alimenti.
    • livello di rischio 1: es. baristi, fornai ed addetti alla produzione di pizze e similari; addetti alla vendita di alimenti sfusi e generi alimentari escluso ortofrutta; addetti somministrazione/porzionamento pasti in strutture socio-assistenziali e scolastiche;
    • livello di rischio 2: es. cuochi (ristorazione collettiva, scolastica, aziendale, ristoranti e affini, etc.); pasticceri; gelatieri (produzione); addetti gastronomia (produzione e vendita); addetti produzione pasta fresca;addetti lavorazione latte e formaggi; addetti macellazione, sezionamento, lavorazione, trasformazione e vendita di carni, pesce e molluschi; addetti produzione ovoprodotti;

 
ATTESTATO DI FORMAZIONE
La validità temporale dell'attestato è fissato a tre anni, allo scadere di tale termine l'alimentarista è tenuto a rinnovare l'attestato di formazione con la partecipazione ad un corso di richiamo.

ISCRIVITI AL CORSO

banner01
banner02
banner03
banner04

Free Joomla! template by L.THEME